Vi parlo di Gesù - Lasciate che i morti seppelliscano i propri morti

Special Price 14,25 € Regular Price 15,00 €
In stock
SKU
978-88-90440-00-7
Autore
Osho
Lasciate che i morti seppeliscano i propri morti

COMMENTO AI VANGELI DI MATTEO, LUCA E GIOVANNI

"Io tratto Gesù come un poeta. Lo è, ma è stato incredibilmente frainteso. La gente continua a trattarlo come un alieno. Se lo fate, siete degli sciocchi, ogni cosa che fa sembrerà miracoloso. in realtà uomini come Gesù hanno visto e toccato ciò che per un poeta è un bagliore fugace. Un pittore si limita a dipingere un quadro; un poeta scrive semplicemente una poesia... un Gesù crea un essere umano. Gesù tocca esseri ordinari, del tutto comuni - un pescatore, Simone detto Pietro... lo tocca, e grazie al suo tocco, quest'uomo è trasformato; si apre un'altezza, si chiude un abisso... Quest'uomo era un semplice pescatore che lanciava in mare la sua rete, e avrebbe continuato a farlo per tutta la vita senza neanche pensare, immaginare, sognare, ciò che Gesù trasformò in realtà".

Lasciate che i morti seppeliscano i propri morti

COMMENTO AI VANGELI DI MATTEO, LUCA E GIOVANNI

"Io tratto Gesù come un poeta. Lo è, ma è stato incredibilmente frainteso. La gente continua a trattarlo come un alieno. Se lo fate, siete degli sciocchi, ogni cosa che fa sembrerà miracoloso. in realtà uomini come Gesù hanno visto e toccato ciò che per un poeta è un bagliore fugace. Un pittore si limita a dipingere un quadro; un poeta scrive semplicemente una poesia... un Gesù crea un essere umano. Gesù tocca esseri ordinari, del tutto comuni - un pescatore, Simone detto Pietro... lo tocca, e grazie al suo tocco, quest'uomo è trasformato; si apre un'altezza, si chiude un abisso... Quest'uomo era un semplice pescatore che lanciava in mare la sua rete, e avrebbe continuato a farlo per tutta la vita senza neanche pensare, immaginare, sognare, ciò che Gesù trasformò in realtà".

More Information
Autore Osho
Write Your Own Review
You're reviewing:Vi parlo di Gesù - Lasciate che i morti seppelliscano i propri morti