Éric Baret. 250 domande sullo yoga

Special Price 19,00 € Regular Price 20,00 €
In stock
SKU
9788892720411
Autore
Marie-Claire Reigner

La pratica di un’arte tradizionale richiede passione, prayatna visesha,
sottomissione e devozione. Queste qualità sono sviluppate attraverso la
relazione maestro-allievo, così come la esprime la tradizione. Per colui che si
lascia portare da questa corrente, l’apprendimento della tecnica richiede una
vita intera e il presentimento della libertà implica l’inutilità della pratica e la
non-realizzazione di qualcosa di oggettivo.
Ai nostri giorni, pochi fra noi sono inclini a questa risonanza e l’assenza
di insegnanti autentici basta ad allontanare da questa prospettiva la
maggioranza.
I pochi dialoghi più oltre trascritti, si rivolgono giustamente a coloro che
non hanno incontrato tale approccio e vogliono tuttavia esplorare questa
tradizione. Quest’opera, più semplice rispetto ad altre, può forse permettere
un chiarimento di numerosi elementi tecnici. La sottigliezza di questo
approccio, che è stato trasmesso da Jean Klein, è in effetti una creatività
difficile da formulare sotto forma di monologo. È per questo che i dialoghi
qui riprodotti non sono stati ritoccati se non in maniera minimalista.
Numerose ripetizioni proprie dell’oralità sono state mantenute per
conservare la dinamica dello scambio.
Marie-Claire Reigner, pur avendo una grande conoscenza di quest’arte,
ha accettato di formulare in questo libro le domande più sovente ascoltate
durante i nostri incontri.

La pratica di un’arte tradizionale richiede passione, prayatna visesha,
sottomissione e devozione. Queste qualità sono sviluppate attraverso la
relazione maestro-allievo, così come la esprime la tradizione. Per colui che si
lascia portare da questa corrente, l’apprendimento della tecnica richiede una
vita intera e il presentimento della libertà implica l’inutilità della pratica e la
non-realizzazione di qualcosa di oggettivo.
Ai nostri giorni, pochi fra noi sono inclini a questa risonanza e l’assenza
di insegnanti autentici basta ad allontanare da questa prospettiva la
maggioranza.
I pochi dialoghi più oltre trascritti, si rivolgono giustamente a coloro che
non hanno incontrato tale approccio e vogliono tuttavia esplorare questa
tradizione. Quest’opera, più semplice rispetto ad altre, può forse permettere
un chiarimento di numerosi elementi tecnici. La sottigliezza di questo
approccio, che è stato trasmesso da Jean Klein, è in effetti una creatività
difficile da formulare sotto forma di monologo. È per questo che i dialoghi
qui riprodotti non sono stati ritoccati se non in maniera minimalista.
Numerose ripetizioni proprie dell’oralità sono state mantenute per
conservare la dinamica dello scambio.
Marie-Claire Reigner, pur avendo una grande conoscenza di quest’arte,
ha accettato di formulare in questo libro le domande più sovente ascoltate
durante i nostri incontri.

More Information
Autore Marie-Claire Reigner
Write Your Own Review
You're reviewing:Éric Baret. 250 domande sullo yoga